Posts Tagged ‘Ugo Nespolo’

“Palettes”

La Galleria GINOMONTI arte contemporanea è lieta di presentare la mostra “Palettes”. Saranno esposte opere di Getulio ALVIANI, Ubaldo BARTOLINI, Andrea BOLDRINI, Mario CONSIGLIO, Sergio FERMARIELLO, Edoardo LANDI, Luigi MAINOLFI, Manfredo MASSIRONI, Mario NALLI, Ugo NESPOLO, Luigi ONTANI, Michelangelo PISTOLETTO. Cosa sarebbe il pittore senza la sua tavolozza? Prolungamento ideale del braccio del pittore, essa, la tavolozza, con tutte le vernici ordinatamente disposte nel loro primigenio e incontaminato splendore, già sembra, di per sé, un’opera d’arte astratta che, al tempo stesso, evoca la dimensione concreta, manuale, artigianale del fare artistico. Ma, a ben vedere, ogni artista ha la sua tavolozza, la sua palette, intesa come la gamma cromatica a lui più cara, o come l’insieme dei tratti e degli stilemi peculiari del proprio linguaggio espressivo. L’intento della mostra PALETTES è di riunire questi due complementari significati attraverso un’operazione originale: trasformare la tavolozza ‒ considerata nel primo, più ristretto e concreto senso ‒ da imprescindibile mezzo a opera a se stante, oggetto e fonte d’ispirazione della fantasia dell’artista. O, meglio, degli artisti chiamati a confrontarsi con questo inedito soggetto, i cui stili abbracciano Astrattismo, Arte Concettuale, Pittura Colta, Optical Art, Pop Art.  Quasi a formare, nell’insieme, una metaforica Tavolozza di poetiche: di palettes, appunto.  La mostra sarà visitabile gratuitamente fino al 31 marzo 2018 negli spazi della Galleria, in P.zza del Plebiscito, 38 (Ancona), negli orari di apertura previsti (i pomeriggi dal martedì al sabato dalle 17 alle 20).

Febbraio-Marzo 2018


“Palettes” – Inaugurazione

La Galleria GINOMONTI arte contemporanea è lieta di presentare la mostra “Palettes”. Saranno esposte opere di Getulio ALVIANI, Ubaldo BARTOLINI, Andrea BOLDRINI, Mario CONSIGLIO, Sergio FERMARIELLO, Edoardo LANDI, Luigi MAINOLFI, Manfredo MASSIRONI, Mario NALLI, Ugo NESPOLO, Luigi ONTANI, Michelangelo PISTOLETTO.

Cosa sarebbe il pittore senza la sua tavolozza? Prolungamento ideale del braccio del pittore, essa, la tavolozza, con tutte le vernici ordinatamente disposte nel loro primigenio e incontaminato splendore, già sembra, di per sé, un’opera d’arte astratta che, al tempo stesso, evoca la dimensione concreta, manuale, artigianale del fare artistico. Ma, a ben vedere, ogni artista ha la sua tavolozza, la sua palette, intesa come la gamma cromatica a lui più cara, o come l’insieme dei tratti e degli stilemi peculiari del proprio linguaggio espressivo. L’intento della mostra PALETTES è di riunire questi due complementari significati attraverso un’operazione originale: trasformare la tavolozza ‒ considerata nel primo, più ristretto e concreto senso ‒ da imprescindibile mezzo a opera a se stante, oggetto e fonte d’ispirazione della fantasia dell’artista. O, meglio, degli artisti chiamati a confrontarsi con questo inedito soggetto, i cui stili abbracciano Astrattismo, Arte Concettuale, Pittura Colta, Optical Art, Pop Art.  Quasi a formare, nell’insieme, una metaforica Tavolozza di poetiche: di palettes, appunto.

Sabato 24 febbraio 2018, ore 18.00