Posts Tagged ‘Pistoletto’

La Densità del Vuoto. Gli Anni ’70 dell’Arte

La mostra, organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi in collaborazione con la Galleria GINOMONTI arte contemporanea di Ancona, vuole dare uno spaccato di quelli che sono stati gli anni ‘70 nel mondo dell’arte, analizzando il fenomeno dell’arte concettuale attraverso gli artisti che ne hanno fatto parte – dai protagonisti storici del concettuale negli Stati Uniti quali Joseph Kosuth e Sol Lewitt e in Italia, come Alighiero Boetti e Gino De Dominicis, agli esponenti dell’Arte Povera da Kounellis a Pistoletto a Zorio, fino ad arrivare ad Ontani – con la volontà di rendere lo straordinario fermento di ricerca che ha percorso quegli anni. In mostra opere di Getulio Alviani, Pierpaolo Calzolari, Mario Ceroli, Michelangelo Pistoletto, Ben Vautier, Mimmo Rotella, Emilio Prini, Daniel Bauren, Joseph Kosuth, Gino De Dominicis, Claudio Cintoli, Ubaldo Bartolini, Joseph Beuys, Vettor Pisani, Alighiero Boetti, Enrico Castellani, Ettore Spalletti, Gilberto Zorio, Jannis Kuonellis, Sol LeWitt, Hidetoshi Nagasawa, Luigi Ontani, Anselmo, Giulio Paolini, Eliseo Mattiacci. La mostra, a cura di Giancarlo Bassotti con testo critico in catalogo di Gabriele Perretta, sarà visitabile gratuitamente fino al 24 settembre.

Palazzo Bisaccioni di Jesi (AN), dal 30 giugno al 24 settembre 2017, ore 9.30-13.00 e 15.30-19-30


Michelangelo Pistoletto – “Capricci”

Pistoletto, Capricci, 2011, tecnica mistaLa Galleria GINOMONTI arte contemporanea di Ancona è lieta di presentare la mostra di Michelangelo Pistoletto, Capricci. Si tratta di una delle rare occasioni in cui sono raccolte in un unico spazio espositivo le opere appartenenti alla serie dei Capricci realizzata dal Maestro piemontese nel 2011. “Capriccioso”, in arte, musica, e architettura, è storicamente sinonimo di fantasia, libera invenzione, stravaganza. Forte dell’impostazione concettuale che da sempre ne ha contraddistinto la poetica, Michelangelo Pistoletto si misura con questo genere a modo suo: facendo meno di orpelli e abbellimenti, anzi, all’opposto, riducendolo all’affermazione tautologica, semplicemente inscrivendolo nelle sue famose lastre specchiate, ma senza perdere quella frivolezza irrinunciabile che chiaramente percepiamo nell’uso di un corsivo quasi infantile, colorato, smaliziato. Variazioni minime che seguono l’estro del momento, i capricci di un Maestro dell’arte del secondo Novecento.

Novembre e dicembre 2015


Pistoletto, “Capricci” – inaugurazione

Pistoletto invito cartolinaSabato 21 novembre 2015 a partire dalle ore 18:00 presso la Galleria di Gino Monti ad Ancona sarà inaugurata la mostra di Michelangelo Pistoletto, Capricci. Si tratta di una delle rare occasioni in cui sono raccolte in un unico spazio espositivo le opere appartenenti alla serie dei Capricci realizzata dal Maestro piemontese nel 2011. “Capriccioso”, in arte, musica, e architettura, è storicamente sinonimo di fantasia, libera invenzione, stravaganza. Forte dell’impostazione concettuale che da sempre ne ha contraddistinto la poetica, Michelangelo Pistoletto si misura con questo genere a modo suo: facendo meno di orpelli e abbellimenti, anzi, all’opposto, riducendolo all’affermazione tautologica, semplicemente inscrivendolo nelle sue famose lastre specchiate, ma senza perdere quella frivolezza irrinunciabile che chiaramente percepiamo nell’uso di un corsivo quasi infantile, colorato, smaliziato. Variazioni minime che seguono l’estro del momento, i capricci di un Maestro dell’arte del secondo Novecento.

Sabato 21 novembre 2015, dalle ore 18:00


Michelangelo Pistoletto – “Frattali”

In mostra, una selezione di 20 Frattali di varie dimensioni e colori. I Frattali sono specchi dalla forma irregolare caratterizzati da una serie numerica impressa al centro della superficie; in essi, si fondono due temi ricorrenti della poliedrica ricerca di Pistoletto: il mondo (circoscritto dalla cornice e riflesso negli specchi) e l’infinito, nonché l’ordine e la casualità.

Dal primo ottobre al 15 novembre 2012